sabato 4 agosto 2012

Perché ho smesso di giocare a poker

Non so se mai qualcuno leggerà questo post in questo blog dimenticato da tutti, ma stasera sono particolarmente ispirata vuoi per una coincidenza del destino, vuoi perché ho visto un film che mi ha fatto vibrare le corde dell'anima, vuoi perché ho qualche linea di febbre che mi fa l'effetto dell'alcol ma stasera sento il bisogno di raccontare la mia storia.

E' passato diverso tempo da quando ho smesso di giocare a poker e sia ben chiaro non scrivo questo post per denunciare il gioco d'azzardo e aiutare la gente a smettere, io non l'ho mai considerato tale anche se alcuni aspetti negativi del giochino hanno colpito anche me ma questo ve lo racconterò più avanti, forse.
Voglio scriverlo perché ad oggi c'è ancora gente che in privato su facebook mi chiede come mai maggie488 non gioca più.

Non ho mai iniziato perché amante del gioco, l'ho fatto per un semplice motivo : il mio ex ragazzo che tutti voi pokeristi conoscerete,(e per i pochi che lo ignorano -e non dovreste- vi do un aiutino ha il mio stesso cognome ma no non siamo fratelli) insomma lui vinceva già da qualche mese e io volevo un po' di soldini per i miei hobby creativi.

Inutile dirvi che in pochi mesi,come spesso mi capita, mi sono appassionata e mi sono buttata in questa avventura, giocando insieme a lui tutte le sere, cercando di imparare come giocare, e vi assicuro nei primi tempi era tutto un: ma perché AQ lo devo foldare? Ma ho paura non voglio fare all in!" "fallo ti ho detto" e io puntualmente foldavo :D. Ho un bel ricordo di quella fase delle prime vincite, dei tornei live che ancora erano legali e del primo ipt che non giocai, ma di un'immagine posso parlarvi con chiarezza vidi Elena di cui non ricordo il cognome, all'epoca pro di poker stars, che giocava al tavolo e faceva degli strani movimenti con le chips, chips tricks che il simpatico Erion islamay ci ha poi insegnato su poker italia 24 :D Credo ma non posso dirlo con certezza che sia stato quello il momento in cui decisi di diventare pro. Insomma i chip tricks mi hanno rovinata :P

Se avete seguito le mie gesta pokeristiche, ma non sono stata mai al livello di Carla o di Irene quindi vi perdono se mi avete altamente ignorata :P , saprete che non sono mai stata pro, quindi forse la mia storia è triste perché non ha il lieto fine sperato, però ho avuto le mie soddisfazioni e ormai il tempo per il poker è forse andato definitivamente. Quello che non sapete però è che io la mia opportunità l'ho avuta, quando pokerstars era in cerca di una pro non inviai la richiesta anche se forse ne avevo i requisiti, perché non ero poi così sicura di volerlo fare, ero all'università e ero ancora convinta che l'informatica fosse la mia strada, e la strada spianata era più semplice da seguire rispetto a quella curva e buia offerta dal poker.

Anyway i giorni passavano e io giocavo sempre di più ho toccato anche i 10 tavoli contemporaneamente ma ho smesso poco dopo perché ho capito da subito che non mi andava di fare il robottino con 1000 click al secondo, tant'è che ho sempre amato gli mtt perché mi piaceva molto anche arrivare fino in fondo, vivere ogni torneo, padroneggiare il tavolo(quando erano pieni di gente meno brava o che semplicemente ignorava l'abc) insomma a me piaceva vincere, gareggiare, competere come in un sano sport, perché il poker negli mtt quello è, far valere le proprie abilità.

A un certo punto però da puro piacere e soddisfazione è diventato quasi un'ossessione. Giocare la domenica era fondamentalmente, Pasqua? Noi giocavamo! Ferragosto capitava di domenica? Noi eravamo lì a cliccare mentre gli altri erano fuori a divertirsi.
I miei genitori mi avvisavano, perché non li ascoltavo? Semplice mi ero messa in testa di diventare pro, avrebbe significato tornei live gratis tutto l'anno e posti meravigliosi da scoprire perché io amavo viaggiare, spostarmi e prendere l'aereo lo odiavo, ma andare a Malta a parlare in inglese e scattare foto , sentirmi estranea e poi abituarmi a una vita diversa dalla routine era favoloso.

E dare un volto a tutti quegli avatar, fare amicizia al ladies e passare il tempo mentre i nostri uomini giocavano. La fantastica miciamiky che contro la signora in godrunning foldò non vi posso dire che foldò ma fece bene, Adriana che vinse il flip contro e poi vinse il ladies che offriva anche un biglietto per giocare l'ipt, Dalia con cui partivo avanti ma che mi sculò al flop e poi miracolosamente dividemmo con scala e manco me n'ero accorta, Scorpioncina che si comprò una quota, Gelsomina e Danilo con cui giocammo al banco e un tizio comparve urlando "scaLa reale , scala reale" aveva vinto 2mila euro e non aveva lasciato manco due centesimi di mancia al river,la bellissima Francesca che se ne uscì con 1010 e poi quando ci ritrovammo un suo amico mi chiese un numero alla roulette e io dissi 4! E lui lo giocò e uscì,Giusy appassionata giocatrice di pokerclub con la quale condividemmo la puntata di QUEENS AT TEA TIME  e al quale scoppiarono prima di tavolo finale televisivo una monster,poi c'era Monica con cui condividevamo sogni e speranze su skype,  la misteriosa subgenie che aveva una giacca di desigual rossa e mi ricordava una giapponesina mentre mangiavamo il nostro gelato sedute ai tavoli di Sanremo davanti l'Ariston,  la dolcissima Valentina con cui a Malta girammo tutto il centro commerciale per fare shopping e con cui giocammo al cash contro al vecchietto che giocava con tutto ma contro di me aveva gli assi quando io avevo kk, e tutte le altre signore con cui passeggiavamo e speravamo di non vedere il nome del nostro lui con l'orribile scritta (e conseguente incazzatura e nervosismo, ah povere noi che pazienza :D) PLAYER OUT.

Ma non era solo questo, vuoi mettere la gloria di essere in prima pagina su assopoker, pokeritaliaweb e italiapokerclub? Vuoi mettere l'adrenalina di un tavolo finale televisivo? E poi i soldi ovviamente! Con quei 120 mila euro dell'ipt quante cose ci potevo fare! Quanti kili di fimo mi potevo comprare? Con quanti vestiti riempire il mio armadio? E dell'ept ne vogliamo parlare? Se a culo avessi vinto l'ept una bella casa al mare non me la toglieva nessuno :D altro che grindare fino alle 4 di notte. Ci sistemavamo per la vita.
Ma il problema è stato un altro: nel poker se sei bravo vinci a lungo termine ma la tua vita è giorno dopo giorno, e io quella vera me la stavo perdendo.
(... Continuo quando sono di nuovo ispirata se mi va ... )

Nessun commento:

Posta un commento